Follow:
Browsing Tag:

crescita

    Esperienze

    Ho 44 anni e sono un cacomela

    E’ risaputo che la fine dell’anno è spesso un momento dedicato ai bilanci, a fare un check di quello che è stato l’anno trascorso e a pensare ai buoni propositi per l’anno che verrà. E’ un momento in cui si tirano le somme.

    Anche il compleanno è un giorno nel quale si riflette di massimi sistemi, di paradigmi esistenziali, si volta il capo indietro per vedere quanta strada è stata percorsa, si guarda innanzi per nuovi buoni propositi per il futuro. E’ un momento in cui si tirano le somme: chi sono? Cosa ho fatto? Cosa mi riserverà il domani?

    Quando fine dell’anno e compleanno combaciano o ti carichi a molla…o ti deprimi a manetta!!! Oppure senti di avere sempre più la natura di un cacomela e te ne freghi altamente.

    Quando arrivi a 40 anni senti dire da più parti che stai per entrare in una delle fasi più belle e interessanti della tua vita. Ed è stato vero, almeno per me.

    Entrare nella quarta decina dei propri anni significa entrare in pieno possesso della o delle proprie consapevolezze, sentirsi più sicuri di sè, prendere coscienza delle proprie possibilità e anche dei propri limiti..insomma per quanto mi riguarda significa diventare un cacomela.

    Mentre negli “enta” pensavo solo a dovermi definire, essere qualcosa o qualcuno di preciso, ero contenta quando per me esisteva un aggettivo qualificativo netto, ed era questo che mi dava una certa sicurezza, gli “anta” li vivo completamente in modo ribaltato. Da cacomela insomma.

    Il cacomela per sua natura è un incrocio tra caco e mela appunto, per cui è un ibrido. Può accontentare chi è ghiotto di entrambi i frutti, come del resto non accontentare nè gli uni nè gli altri. Insomma può piacere come no. L’idea di non poter e nè dover piacere a tutti è stata per me davvero una scoperta grandiosa. Forse per educazione, forse per carattere, ho sempre avuto un certo adattamento darwiniano alla (mia) sopravvivenza.

    Arrivare a 44 anni suonati oggi mi fa pensare con un certo realismo che non solo mi sento un cacomela, ma voglio anche esserlo. Per una come me non è stata una conquista facile nè scontata, ma un percorso, talvolta (spesso) faticoso. E sicuramente ci saranno ancora momenti nella mia vita in cui vorrò essere solo caco o solo mela per compiacere gli altri, ma scrivere nero su bianco questa nuova consapevolezza mi aiuterà a difendere la mia identità, consapevole che non si può nè si deve essere mangiati da tutti, perchè tutti hanno diritto di scegliere di cosa cibarsi. Come del resto io stessa ho diritto di scegliere se essere più caco o più mela a seconda di come mi sento, perchè dentro ho nature diverse.

    Sentirsi cacomela alla vigilia (perchè di fatto sono nata poco prima della mezzanotte) dei miei 44 anni è una forma di grande liberazione: da stereotipie ereditate, da stigmatizzazioni, da forme di coercizione. Porta con sè quella certa libertà che arriva solo con l’età, quella sorta di sensazione per la quale oggi posso dire e fare quello che voglio davvero. Senza troppa preoccupazione delle conseguenze sociali. Senza troppa preoccupazione di quello che potrebbero pensare gli altri.

    E’ un pò come dire: “Ehi gente, sapete che c’è? C’è che se anche a volte sono più caco, a volte più mela, a volte entrambe le cose, non cambia la sostanza. Sono ciò che nel corso di questi 44 anni avete conosciuto, che alcuni di voi amano follemente, altri decisamente meno, altri ancora cercano di decifrare, ma rimango sempre io“.

    E forse non è tanto l’effetto che si trasmette agli altri sentirsi cacomela, ma più la sensazione che risuona in se stessi: apre un grande nuovo spazio di possibilità. Era un po’ come quando da bambina ti dicevano: non puoi stare con due piedi in una scarpa, devi decidere chi vuoi essere.

    Oggi mi chiedo perchè.

    Oggi dico che forse la verità è che se si vuole davvero vedere come sono le persone, non si deve fare altro che guardare (“Wonder”).

    Share:
    Esperienze

    Adolescenza e amicizia del cuore

    Ripercorro con il pensiero e frugando tra le immagini vive dei miei ricordi, la mia infanzia e la mia adolescenza, a volte a caso senza un motivo particolare, senza qualcosa che mi induca a scartabellare nel mio passato. In altri casi invece grazie ai miei figli che crescendo si trovano a vivere per la prima volta situazioni o emozioni di cui anche io serbo vivida la memoria.

    E tra le immagini che più volentieri mi vengono in aiuto, soprattutto nei momenti di down, ma devo dire anche in quelli di maggiore carica, sono quelle delle migliori amiche, dell’amicizia del cuore. Quelle amiche che hanno completato la tua vita durante la tua infanzia e adolescenza e lo fanno tutt’ora che sei “grande”, perchè senza saresti una persona diversa. Saresti una persona a metà.

    Read more

    Share:
    Educazione

    Adolescenza e dilemma del porcospino

    dilemma del porcospino

    Sono venuta a conoscenza del dilemma del porcospino ai tempi dell’università, quando studiavo Schopenhauer e sono stata folgorata sulla strada di Damasco. Era la metafora perfetta per le relazioni umane e soprattutto, secondo me oggi, per quelle da ricostruire con un figlio adolescente.

    Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono il dolore delle spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali: il freddo e il dolore. Tutto questo durò finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione”. (Arthur Schopenhauer, Parerga e Paralipomena, 1851).

    Read more

    Share:
    Esperienze

    Ciao mamma, ci vediamo…

    Succede che ieri nascevano (non senza dolore, il tuo!!!), li guardavi in faccia per la prima volta senza nemmeno troppa convinzione, li tenevi in braccio in modo un pò maldestro, li nutrivi (h 24), eri il centro del loro mondo (e viceversa), ed oggi ti salutano da un finestrino del pulman dicendoti giusto due parole: “Ciao mamma, ci vediamo…“.

    Read more

    Share:
    Educazione

    Faccio le cose, ma non so perchè

    Dare un senso a tutto quello che facciamo dovrebbe essere una prerogativa di consapevolezza, che potrebbe aiutarci a non fare gli stessi errori, ma anche a reiterare comportamenti che al contrario riescono bene, che producono un risultato positivo.

    Fare le cose sapendo la motivazione per le quali le facciamo dovrebbe essere un “a priori”, dovrebbe accompagnarci nella nostra quotidianità, almeno per il 90% delle azioni che compiamo, delle scelte che facciamo.

    DOVREBBE…

    Poi ti confronti con il piccolo di casa, colui che beatamente, del tutto ingenuamente, quando gli chiedi il motivo per cui ha fatto una certa cosa ti risponde esattamente come tu non ti aspetteresti, o meglio non vorresti sentirti dire, e allora ogni “dovrebbe” diventa completamente superfluo e soggettivo.

    Lui fa le cose senza sapere il perchè! E si sorprende, sempre, del fatto che tu madre te ne stupisca pure.

    Read more

    Share:
    Esperienze

    Saper disinnescare può essere la strada

    perfetti sconosciuti adolescenza

    “Però una cosa importante l’ho imparata. Saper disinnescare. Non trasformare ogni discussione in una lotta di supremazia.
    Non credo che sia debole chi è disposto a cedere, anzi è un uomo saggio. Le uniche coppie che vedo durare sono quelle dove uno dei due, non importa chi, riesce a fare un passo indietro. E invece sta un passo avanti”. Così recitava Marco Giallini in “Perfetti sconosciuti”, il film di Paolo Genovese, che nonostante volesse raccontare soprattutto di altro, introduce un tema sempre molto attuale e contemporaneo sulle relazioni di coppia e, a mio parere, sulle relazioni in generale.

    Saper disinnescare, non trasformare ogni discussione in una lotta di supremazia. Parole che poi, uscite dalla bocca di Giallini, sanno veramente di buono!!!

    Read more

    Share:
    Educazione

    Adolescenza: ma come ti vesti???

    adolescenza, ma come ti vestiI temi che riguardano quell’estenuante interessante periodo che va sotto il nome di adolescenza sono numerosi, talmente numerosi che abbiamo deciso di dedicare loro una rubrica. Nel trattarne alcuni in post passati, inciampiamo su un tema particolarmente caro all’adolescente, di quelli che catturano la sua attenzione per quasi la totalità delle ore giornaliere: l’abbigliamento, che chiaramente necessita di un capitolo tutto per sé. Quando ti avvicini ad essere adolescente, non si modificano drasticamente solo i modi di comportarsi, la comunicazione (Adolescenza qua la mano) e, purtroppo spesso, l’alimentazione (Adolescenza e alimentazione: istruzioni per l’uso), ma anche il modo di vestirsi. Tanto che non è raro che in casa mia la domanda/affermazione formulata più spesso verso l’Adolescente quando fa capolino sulle scale sia:

    Ma come ti vesti?????

    Read more

    Share: