Wishlist per la festa della mamma

Festa della mamma

Non ho mai fatto wishlist nella mia vita, pur vedendone molte anche nell’ambiente del blogging, dalla lista dei posti da vedere nel mondo preferiti, alla lista dei cibi più particolari da assaggiare, fino alle semplici quanto normali liste dei migliori libri o film da leggere e vedere. Quindi mi sembra del tutto naturale iniziare a fare la mia wishlist proprio in concomitanza con l’avvicinarsi di una delle feste più importanti, più affettuose, più azzeccate e celebrative dell’anno: la festa della mamma! Perchè in fin dei conti se devo partire da una wishlist mi sembra assolutamente plausibile partire da quella per la festa della mamma.

Da quando diventi mamma ti devi occupare di tante cose, tra le quali anche pensare alle scadenze e alle festività che riguardano il papà. In verità ricordo quando ero piccola e vivevo ancora in casa che mia mamma, in occasione dei compleanni o delle feste del papà, ricordava a noi figli di fare gli auguri, oppure di preparare un bigliettino, un pensierino, o lei stessa comprava un regalo che poi “spacciava” come regalo da parte di noi bambini.

Devo dire che le stesse tradizioni sono state mantenute anche nella mia nuova famiglia, dove spesso e volentieri, fin da quando i bimbi erano piccoli, ho sempre insegnato loro a ricordare le festività legate al papà con la preparazione di qualcosa di simbolico e generalmente autoprodotto. Nel senso che (a parte i compleanni dove il regalo è d’obbligo apprezzato), per onomastici, feste del papà, ricorrenze, anniversari qualcosa di fatto in casa per noi ha più valore.

Così, perchè non aiutare il papà di casa a ricordare anche le ricorrenze che riguardano la mamma? Perchè diciamocelo, con il mio compleanno un grande sforzo non lo deve poi fare!!!! (ndr compio gli anni il 31/12!)

LA MIA WISHLIST PER LA FESTA DELLA MAMMA

Se penso a cosa potrei mai desiderare in occasione della festa della mamma (ma giusto perchè è la ricorrenza più prossima ad oggi che sto scrivendo questo post), non ho in mente regali materiali, anche perchè per fortuna (di mio marito) non sono una donna che ama ciò che luccica, che stravede per le griffes o che si strafà di massaggi o trattamenti estetici (e lo so che, rispetto a quest’ultimo punto, starete pensando che in effetti si vede!!!!). Oddio, non disprezzo a prescindere nessun regalo nemmeno di questo tipo, ma sooooooolo perchè sono una persona educata!!! 😉

Ad ogni modo, oggi come oggi, la mia wishlist si comporrebbe di una serie di accorgimenti (più che regali), che sono certa possano mettere più in crisi (mio marito) di quanto non lo sarebbe mettere mano al portafoglio, ma del resto questo post a qualcosa dovrà pure servire!!!!

Ecco la mia lista di desideri, tra il serio e il faceto:

  1. essere lasciata per mezza giornata libera e sola a fare (o non fare) quello che ho voglia e rientrare con pranzo o cena preparata (se fosse per una volta nella vita completamente vegetariana come piace a me poi, potrei davvero esaltarmi!!!!);
  2. un mazzetto di fiori di campo, magari confezionato con un nastro e messo in un vaso appoggiato sulla tavola della cucina (che è il mio regno e che è l’ambiente della casa che adoro in assoluto);
  3. un bigliettino scritto a 4 teste ed unicamente pensato per me;
  4. ricevere in regalo una canzona scritta e composta da mio marito per me sul mio essere mamma (che è musicista e quindi dovrebbe essere naturale per lui comporre come per me lo è scrivere);
  5. ricevere un biglietto per andare a vedere un’opera teatrale, un balletto, un musical…insomma qualunque cosa di carattere artistico che mi piaccia (e questo presuppone conoscere i miei gusti sul genere….;-) );
  6. approvare per iscritto (carta canta!!!) la mia partecipazione a frequentare una Scuola di recitazione con un impegno almeno triennale di due weekend al mese;
  7. essere iscritta dal marito a mia insaputa a Donna Avventura (visto che a Mamma Avventura sono già iscritta!!!) e poi provvedere all’organizzazione della famiglia (e qui casca l’asino!!!) per i tre mesi in cui potrei essere in giro per il mondo;
  8. non sentire per un’intera giornata pronunciato il nome “Mamma” se non per frasi del tipo “Mamma ti voglio bene”, “Mamma sei stupenda”, “Mamma sei speciale”, “Mamma sei bellissima” e via dicendo;
  9. la sorpresa (adoro le sorprese) di essere portata via di casa, facendomi ritrovare in un altro luogo con tutta la mia famiglia e con tutta la giornata programmata, dove io non devo pensare a niente;
  10. un book fotografico (non mio, magari!!!) che raccolga tutti i momenti più importanti di me con i miei figli, dalla nascita ad oggi.

Mi fermo qui, perchè a pensarci bene la mia wishlist potrebbe continuare ancora con il doppio dei punti, ma penso di essere riuscita a rendere l’idea di cosa mi potrebbe fare felice, senza alcun ingente impegno economico.

Chiaro che se nessuno di questi punti fosse realizzabile nel tempo che separa la mia famiglia dalla festa della mamma del 14 maggio (considerando che il 7 c’è pure la Comunione di Anny e so che questa cosa potrebbe essere presa tranquillamente a pretesto!!!!), mi posso accontentare di un futile, scontato, poco meditato, banale regalino consumistico. Ma solo e soltanto perchè rimango pur sempre una persona civile!!!

Buona festa della mamma care mamme, anche se è superfluo dire che non servirebbe una festa per ricordarci quanto speciale sia essere mamme!!!

6 Comments

    1. Ahahahahaha!!!!Nema,qui i mariti sono decisamente su un altro pianeta spesso e volentieri e altrettanto spesso hanno bisogno di un aiutino per arrivare a vedere le cose!!!!! Tu pensa che gliel’ho anche mandata da leggere ed ovviamente….non lo ha fatto!!!!!!

    1. Pensa che la serenata sarebbe la cosa che gli verrebbe più naturale essendo lui un musicista!!!!!! Ma in effetti non ha (ancora) trovato la melodia adatta per me, probabilmente… 😉

Rispondi