Una giornata in campagna

cielo in campagnaOggi vi voglio far conoscere uno degli appuntamenti annuali che i miei bimbi aspettano con piacere. Non è di certo la visita di controllo dalla pediatra, che quest’anno tra l’altro abbiamo saltato (lo so, sono una madre snaturata!!) e nemmeno la fine del campo estivo, ma parlo di una giornata in campagna per innaffiare la vite con un metodo antico: l’irrigazione della vite per scorrimento (Sara non guardarmi con quegli occhi spiritati!!!!)

Vi ho già raccontato la giornata della vendemmia in autunno, dove i bimbi “aiutano” i nonni a mostare l’uva per fare il lambrusco, ma questa è molto più divertente e con il caldo di quest’anno se la sono goduta ancora di più!!

irrigazione a scorrimentoSapete cosa vuole dire irrigare per scorrimento?? Dalla foto si può facilmente capire: il terreno è fatto in leggera pendenza e ha un solco in mezzo ai filari, per cui facendo scorrere l’acqua nel solco dalla parte alta, l’acqua per gravità si propaga e viene poi raccolta dal fossato che la trattiene finché il terreno la assorbe!!

Perché è così divertente?? Il terreno non assorbe tutto subito, quindi si formano delle piscinette dove i bimbi sguazzano allegramente (modello peppa pig, ma moooooolto più divertente)!! Si gioca sia vicino alla bocchetta, dove la pressione dell’acqua fa un bel massaggio o spruzzando i fratelli, cuginetti, zio e papà!! Poi è bello anche lasciar trasportare i giochi dalla corrente, recuperandoli a valle. Senza contare a tutti gli animaletti che escono dalla terra “alluvionata”!!!! Quante ranocchie che saltellano di qua e di là cercando rifugio nell’orto! i grandi giocano ad altro

Guardate come si sono divertiti i bimbi.. dalle immagini direi che si vede, no?!? Ok..i grandi all’inizio hanno fatto un po’ gli schizzinosi e si sono isolati per fare i preziosi, ma poi si sono buttati per imitare i papà che hanno dato “il buon esempio” 😉

corse nell'acquagiochi d'acquagiochi nell'acquagiochi d'acquafiori di campagnapesca nel fossoAlla fine del lavoraccio di irrigazione abbiamo anche sfruttato il fosso pieno per pescare un po’ con il retino delle farfalle. L’unico problema è stato mettersi d’accordo per dividersi 2 retini per 5 bambini (per fortuna Tommaso stava dormendo). Non dico che abbiamo rimediato la cena, ma la pesca è stata fruttuosa:

  • 3 gamberetti
  • 5/6 pesciolini non identificati
  • 2 pescegatti (piccoli)

Alla fine sono stati liberati tutti e vorrei dire che nessuno è stato maltrattato ma purtroppo un piccolo pescegatto è morto appena preso e Sebastiano se ne è affezionato e ha voluto anche portarselo a casa, un po’ per studiarlo, un po’ per mascotte (è diventato praticamente il suo bambolotto, un po’ macabro ma se va bene a lui).

tinca?gambero di fiumepesciolini di fossoil pescato

Alla prossima vi aspetto?!?

firma_Monica

Rispondi