Sentire l’incoraggiamento è importante…ad ogni età

IMG-20160505-WA0005

Ho scritto questo post domenica 1° maggio, festa del lavoro, ma anche giorno dopo lo spettacolo che abbiamo fatto come Geniattori a Fabbrico, portando in scena “Romeo e gli Aristogatti”. Quella mattina, mentre ripensavo allo spettacolo, alle difficoltà che ci sono nel progettare, coordinare, gestire, realizzare uno spettacolo teatrale, ho pensato che tutto sommato sono fortunata. Fortunata perchè sento di essere sostenuta in questa impresa, di essere incoraggiata soprattutto quando le cose non vanno come vorrei.

Sentirsi sostenuti è fondamentale, non solo da adulti, ma soprattutto da piccoli.

Piccola rappresentanza dei Geniattori
Piccola rappresentanza dei Geniattori

Durante i preparativi di uno spettacolo ci sono tantissime variabili da considerare e tantissimi imprevisti da gestire. Un adulto può trovare dentro di sè la forza e l’energia per farvi fronte, perchè l’esperienza e la formazione personale possono nel tempo aver contribuito ad aumentare le risorse personali per fronteggiare situazioni anche complesse. Ma credo che sia fondamentale aver avuto nella propria crescita qualcuno che, come una goccia sul marmo, abbia creduto nelle nostre capacità, dimostrandoci, infondendoci, trasmettendoci sostegno e incoraggiamento.

Io ricordo ancora le parole dei miei genitori in alcune circostanze della mia vita che mi hanno fatto sentire supportata, e queste parole e sensazioni me le sono portata dentro nella crescita, tantè che ora me le sento addosso quando mi trovo in situazioni complicate da gestire che richiedono tutta la mia attenzione e la mia forza.

Ma allo stesso modo credo che anche parole non dette, o peggio, dette come critica continua, come giudizio negativo, come svalutazione possano rimanere ancora più indelebili nella mente (e nel cuore) di un bambino, che crescerà e diventerà adulto con ricordi nitidi di disistima nei suoi confronti. Se vi fermate a pensare, quali immagini (e sensazioni) vi ricordate con maggiore forza, come se fossero accadute invece che tipo 30 anni fa, solo ieri?

Il “peso” di queste immagini è positivo o è negativo per voi? Che emozioni vi suscitano?

Penso ai miei figli, e mi chiedo a cosa riesco a trasmettere loro, se un senso di svalutazione e scoraggiamento in più forme, o una sensazione di sostegno, positività; penso se  sto fornendo loro gli strumenti per essere adulti consapevoli, sicuri, forti, determinanti, se ogni qual volta sono in difficoltà sentono il nostro incoraggiamento, il nostro supporto, il sostegno che possono aiutarli a gestire situazioni faticose. Penso….e non ho risposte univoche da darmi.

Non pretendo, e non voglio, crescerli sotto una campana di vetro, so che le frustrazioni sono importanti per crescere, e sono convinta che debbano potersi sentire autorizzati anche a sbagliare nella loro vita. Mi chiedo però se stiamo trasferendo loro la sensazione che, come genitori, crediamo nelle loro risorse e  nelle loro possibilità e li sproniamo a fare esperienze per crescere e per costruire pian piano la loro identità.

Voi direte: tutte queste considerazioni ti vengono facendo uno spettacolo per bambini? Alla faccia!!!!!!

Sì, lo so, in effetti però è accaduta una cosa che mi ha fatto accendere la lampadina rispetto a questi pensieri, ossia ho sperimentato io stessa la sensazione incredibile che si prova quando si è incoraggiati per un progetto nel quale si crede, o anche solo per il tempo che si dedica a qualcosa. E così ho pensato che, forse, non importa l’età che si ha, ma fa sempre piacere sentirsi apprezzati, ricevere la classica “pacca sulla spalla”, quello stimolo anche solo con uno sguardo o un gesto di approvazione, una parola positiva che ti fa sentire che stai andando per la strada giusta e che anche chi è in cammino con te, ti sUpporta e sOpporta.

Voi sentite di essere stati più incoraggiati o scoraggiati? E come sentite di essere con i vostri figli?

firma_Sara

 

 

Rispondi