SentiChiParla: Caro Amico ti scrivo

lettera al mio migliore amico

Per la rubrica “Senti chi parla” oggi ho l’immenso piacere di ospitare la lettera di Andrea al suo migliore amico, che per dirla tutta è il mio primogenito Sebastiano! La sua mamma me la fece leggere qualche mese fa e io mi commossi, così ho pensato di chiederle il permesso di pubblicarla nella nostra rubrica.

Leggendola mi ritornano in mente i loro primi approcci, quando Sebastiano appena nato lo guardava incuriosito e Andrea, più “vecchio” di cinque mesi, felice e sgambettante, cacciava uno dei suoi urli (il vocione è caratteristica di famiglia) facendo scoppiare in pianti disperati l’amichetto. Diciamo che non è stato esattamente amore a prima vista: per qualche mese Sebastiano l’ha guardato con terrore, ma era uno spasso vederli insieme!!
E adesso, a dieci anni, sono ancora uniti, così diversi e così simili, per citare la Pausini 😉

Ecco quindi la lettera di Andrea al suo migliore amico:

Caro Sebastiano,

ti scrivo perché voglio dirti che la nostra è proprio una grande amicizia! Anzi, è un’amicizia di famiglia!
Mio padre e il tuo infatti, da piccoli erano vicini di casa. Erano grandi amici e giocavano insieme. Erano inoltre nella stessa classe sia all’asilo che alle scuole elementari. Poi hanno incontrato le nostre mamme che sono diventate amiche.
Quando i miei genitori si sono sposati sono andati ad abitare vicino ai tuoi. Dopo poco tempo sono nato io e dopo cinque mesi sei nato tu. La cosa più strana è che sia io che il mio papà siamo nati in maggio, mentre sia tu che il tuo papà siete nati in ottobre. Anche noi, come i nostri papà, siamo amici, giochiamo insieme e abbiamo frequentato le stesse classi dell’asilo e delle elementari. Non abbiamo mai litigato e sempre ci aiutiamo a vicenda. Mi piacerebbe che la nostra amicizia continuasse anche nel futuro e chissà che, un domani, non avremo anche noi dei figli che diventeranno amici.
Io mi dico che.. se questa non è amicizia, che cos’è?!

Un abbraccio grande come il mondo,
il tuo migliore amico
Andrea

2 Comments

Rispondi