Scambioteca

plurima inaugurazione
Volantino dell’inaugurazione della sede di Brescello

Lo confesso: sono un’accumulatrice seriale!
Terrei tutto, ma proprio tutto: una cosa mi ricorda un bel momento, un’altra potrebbe andare bene ad un figlio, un’altra ancora mi potrebbe servire per fare uno dei mille progetti che ho in cantiere… Ho anche comprato il libro che tutti hanno osannato, quello che avrebbe dovuto cambiarmi la vita: “Harry Potter e la stanza dei segreti”.. ehm no magari avere una stanza così..era quello de “Il magico potere del riordino“, ma a parte qualche idea per piegare in modo diverso i vestiti per riporli meglio e in meno spazio nulla, l’ho trovato inutile e mi ha anche indisposto del tutto!!!!! Non sono pronta alla sua filosofia del “butta tutto”.
Ho trascorso una vita intera a selezionare le migliori scuse per non buttare, perfezionare la strategia (oblivion mi fa un baffo) ed elaborare le regole di geometria spaziotemporale per organizzare gli spazi al motto “se ce ne sta uno, ce ne stanno 100”. Sono la degna nipote di mia nonna, che metteva via anche le vaschette di polistirolo del supermercato, ma lei è giustificata dal fatto che ha vissuto la guerra, io invece no!!

Sono però arrivata ad un bivio, già abbiamo una casetta piccolina, in 5 anime e aggiungendo i giochi di 3 bambini non so più come fare: o cambiamo casa (magari!!) o cerco di liberare e scegliere tra i miei “tessori” quelli a cui posso rinunciare. Così ho deciso di liberarmi di vestiti e scarpe che non vanno più bene ai bimbi e dei giochi che non usano più, portandoli in Scambioteca.

COS’E’ LA SCAMBIOTECA?

Ecco un bel video dove Patrizio Roversi spiega molto chiaramente di cosa si tratta.

La scambioteca è un progetto nato grazie all’Azienda Servizi Bassa Reggiana, alle Amministrazioni comunali di alcuni paesi e all’impegno di un gruppo di assidue volontarie, e si caratterizza come luogo aperto di incontro e scambio di materiali di uso domestico, oggetti, abiti per la prima infanzia e per l’età adulta. Insomma potete portare vestiti e scarpe che non usate più, sia vostri che dei vostri bimbi, i giochi, i libri e tutto quello che vi viene in mente. Vi verrà fatta una tessera dove verrà segnato tutto quello che porterete e in cambio potrete guardare se trovate qualcosa che vi piace, secondo la vecchia regola del baratto. L’ultima volta ne ho approfittato portandomi a casa 2 camicette molto carine (è una vita che non mi prendo nulla, quindi mi servivano anche 😉 ).Filòs

Per rendere ancora più vivo lo spazio dello scambio hanno anche organizzato dei laboratori gratuiti aperti a tutti per scambiare, oltre agli oggetti anche i saperi, per imparare vecchie o nuove arti, passando qualche pomeriggio in compagnia. Questa bella iniziativa è stata chiamata “Filòs”(per chi conosce il dialetto non devo spiegare nulla): fare “filòs” significa sedersi in chiacchiera mentre si lavora, quello che le nostre nonne facevano una volta trovandosi a filare o lavorare ad uncinetto e maglia mentre si chiacchierava del più e del meno.

Se volete andare anche voi, trovate gli orari in questa pagina del sito dell’Azienda Servizi Bassa Reggiana o nei siti dei comuni dove è presente.

PS I più attenti possono anche vedermi nel video, anche se durante le riprese ho cercato di nascondermi, non ce l’ho fatta del tutto, sono mimetizzata con lo sfondo ma ci sono 😉

firma_Monica

21 Comments

  1. Ecco faccio outing: anch’io non butto mai NULLA!
    Un pò riciclo ma MOOOOLTO conservo, perchè non mi piace buttare via le cose se possono ancora servire. Ma scambiarle è diverso: l’idea mi piace un sacco! (e poi posso sempre barattare altre cose da conservare, no?? :-D) Grazie, ottima dritta!

  2. italiaconibimbi

    Bellissima iniziativa, finalmente non si butta ma si da vita nuova agli oggetti. Specialmente con i bambini si accumulano vestitini, giocattoli, libri…dispiace troppo buttarli via ma se li usa un altro bimbo è diverso! Spero che si attivino anche nelle Marche!

  3. Accumulatrice seriale? Eccomi! Anche io faccio una fatica tremenda a buttare le cose proprio perché, come a te, ricordano sempre qualcosa…e separarmici è tremendo. Salvo quando, in preda a raptus maniacali, faccio pulizia di tutto sbattendo in pattumiera le cose inutili e facendo bei sacconi per la caritas di abbigliamento in buono stato. L’idea di una scambioteca è davvero originale, chissà se ce n’è una anche qui a Milano!

  4. Non lo avevo mica letto questo post!
    Proprio ieri sera stavo leggendo l’introduzione di quel libro: ‘il magico potere del riordino’. E’ una filosofia che mi piacerebbe molto avere, ma… ho già capito che non fa per me. Buttare tutto? Ma siamo matti?
    In questo post invece mi rivedo tutta, ma davvero!
    E ci vuole una scambioteca pure dalle mie parti!

Rispondi