#Pianteanimaliperduti 2016

Sara e Monica a pianteanimaliperduti
Ascoltamicongliocchi c’è!

Quest’anno l’annuale Fiera che viene organizzata nel paese di Guastalla (RE) dal titolo “Piante e animali perduti” ci ha riservato una bella soddisfazione: siamo state chiamate con altri 10 blog per documentare il nostro punto di vista su questa manifestazione e partecipare quindi al blogtour organizzato. Noi!!!

Sì, Ascoltamicongliocchi c’era! Sicuramente giocavamo in casa, ma questo è un dettaglio certo di non poco conto per noi, che con impegno e stima promuoviamo spesso le iniziative del nostro Paese.

Ma questa volta, qualcosa è cambiato!!!!

Ricorderete che già l’anno scorso avevamo dedicato un paio di post a quest’evento (leggete Piante e animali perduti: festa di paese, festa della gente e Piante ed animali perduti), perchè sia io che Monica adoriamo questa manifestazione. Ci sono tantissimi motivi per amarla e noi ogni anno la celebriamo con la nostra particolare “recensione” che altro non vuole essere che un modo per rendere tutti partecipi di una Guastalla vestita a festa e piena di gente.

Ma quest’anno la soddisfazione più grande che abbiamo avuto è quella di essere state chiamate come blogger a raccontare di questa fiera, ossia in veste ufficiale, riconosciute come strumento di comunicazione locale a cui affidare un pezzo di racconto di quello che questi due giorni di settembre significano per Guastalla. Ecco perché il titolo del post #Pianteanimaliperduti, perché questo è stato l’hastag più usato nella giornata di sabato e domenica per identificare l’evento!

pap22016_2Se dovessi riassumere #Pianteanimaliperduti mi soffermerei sicuramente su alcuni particolari:

  • la gente: ne trovi tantissima, per le strade principali, nelle viuzze, seduta a mangiare e bere, intenta ad osservare, annusare, commentare, ridere, fotografare, riflettere e ricordare; gente del posto, gente dei comuni limitrofi, gente di città e regioni lontana, gente straniera che con il camper trascorre due giorni immersa nella manifestazione;
  • i colori: catturano lo sguardo e sono quelli degli edifici del centro di Guastalla (il Palazzo ducale, il duomo restaurato, le case del centro storico e sulla via principale), sono i colori che trovi sui banchetti ricoperti dalle spezie e della varietà di frutta e verdura, dai fiori e delle foglie delle piante;
  • i profumi: quelli che provengono dalle spezie e dai fiori, ma soprattutto quelli che arrivano dai banchetti con i prodotti tipici regionali (salumi, formaggi, marmellate, miele, cioccolata e torte), ma anche saponi, essenze, oli;pip2016
  • odori: tipici dell’area dedicata agli animali, dove i bimbi si incantano di fronte alle più tradizionali specie di animali, come le mucche, i vitelli, i maiali, le oche, i coniglietti, le galline di ogni specie, i galli, i tacchini, le pecore, le capre, ma anche i lupi e i bufali e asini..
  • suoni: quelli dell’area giochi di una volta, dove non si sentono i bip-bip dei cellulari o dei tablet, ma i rumori sordi dei martelli, dei giochi da tavolo, del lancio dei sacchetti, della corsa con i sacchi, dello schiaccianoci, del tiro al bersagio;
  • la partecipazione: è una fiera fatta da tantissimi volontari che lavorano instancabilmente per due giorni per svariate ragioni e motivazioni. Se devo pensare a quella che ha animato me la domenica, quando non sono stata impegnata dal blogtour, è quella di poter dare una mano alla scuola frequentata dai miei figli, perché una parte dei fondi raccolta tramite i biglietti di ingresso (3€ per i non residenti) viene devoluta alla tantissime associazioni, organizzazioni e ai progetti che si impegnano durante la fiera.
Blogger Pianteanimaliperduti 2016
Blogger Pianteanimaliperduti 2016

Ma la cosa più bella quest’anno è stato incontrare altri blogger con cui trascorrere buona parte della giornata del sabato, facendo conoscere loro scorci del nostro Paese, delle nostre tradizioni, e vivendo con loro una delle manifestazioni più belle che Guastalla organizza da 20 anni a questa parte.

Un grazie particolare alle organizzatrici di questo blogtour, Donata e Serena, al sindaco Camilla Verona che pur non definendosi “tecnologica” ha dimostrato di trovarsi assolutamente a suo agio tra noi blogger, e a tutti i nostri compagni di avventura per aver partecipato con noi a questo “viaggio nel tempo”.

Ci vediamo l’anno prossimo!!!!!!

 

firma_Sara

2 Comments

Rispondi