Modelliamo con il balsamo

il presepe riposa per seccareIn questi giorni di “visite” indesiderate, tra virus e altro, abbiamo passato qualche giorno chiusi in casa, quindi ho dovuto trovare un gioco che non facesse sudare e faticare, ma che facesse passare il tempo tranquillamente. Così ho fatto una pasta modellabile che non avevamo mai provato, di cui ho trovato diverse ricette in rete, così spinta da curiosità abbiamo giocato con la pasta modellabile al balsamo.

imageLa ricetta è semplice e soprattutto avevo già tutti gli ingredienti in casa. Visto che il mio boccetto del balsamo era maxi vi do la ricetta:

  • 500gr Balsamo
  • 120gr olio o vaselina
  • 600gr di farina (meglio metà di amido) +altra se necessario.

Io ho usato un po’ di olio johnson e un po’ di olio di vinaccioli, se l’avete è meglio usare tutto johnson o vaselina, visto che non irrancidisce, certo che dipende dall’uso che volete farci (se dovete conservarlo a lungo considerate anche quello).image

Si mescolano prima gli ingredienti liquidi e poi si aggiunge la farina, il mio balsamo era molto liquido quindi ho dovuto aggiungere almeno altri 100gr tra farina e amido in pari quantità. Comunque si aggiunge finchè la pasta non si attacca più alle dita. A questo punto potete lasciarla in mano ai “distruttori”.

colorare la pastaSe volete fare un lavoro professionale potete anche colorarla con un po’ di tempera, considerate che se si ammorbidisce potete sempre aggiungere altra farina, ma i miei bimbi non hanno voluto colorarla.
Come pasta è molto piacevole da maneggiare ed è molto profumata, i bimbi continuavano ad annusarsi le dita mentre giocavano.La superficie si secca velocemente ma basta manipolarla di nuovo per recuperarla, comunque è meglio tenere la pasta che non si utilizza in un sacchetto di plastica e si può mantenere per vari mesi.image

La piccola si è molto divertita e ha gradito molto, ha cucinato un sacco di pranzetti e modellato tanti animaletti. I grandi, che hanno deciso di fare delle forme natalizie, sono rimasti molto delusi visto che il giorno dopo si sono trovati le loro ghirlande, alberi di Natale e pupazzi di neve crepati, sbriciolati al primo tocco, forse perchè le hanno messe sopra la stufa calda per asciugarle più velocemente..chissà!!

imageHo così deciso, per evitare altre frustrazioni, che la pasta che rimane la coloro per dedicarla ai manicaretti di Caterina! Quindi arrivato il sabato mattina, con i maschi a scuola, noi donne ci siamo messe al lavoro, abbiamo colorato la pasta rimanente con i colori scelti da Caterina. In realtà ho dovuto faticare non poco, visto che la mia bimba è una impastatrice matta (dopotutto ha imparato a fare la pizza prima che a camminare), appena appoggiavo il panetto colorato per farne un altro lei lo impastava subito con gli altri già colorati. Così abbiamo un sacco di marrone, dell’azzurro, del verde, del rosa e del bianco e visto che siamo sotto Natale perchè non modellare il presepe. Così ecco la nostra ultima fatica, che abbiamo seccato molto lontana da foti di calore, la superficie ha qualche piccola crepa, ma come vedete il risultato non è poi così brutto, ma rimangono oggetti fragili, come ha dimostrato il papà facendo cadere la corona intrecciata che è andata in mille pezzi 😮l'impastatrice compulsiva ;-)

In conclusione direi che è promossa per la manipolazione soprattutto dei bimbi piccoli, ma non è adatta se si vuole modellarla per seccarla!

Voi l’avete provata? Come vi siete trovate?

firma_Monica

PS La prossima volta proveremo quella al bicarbonato: vedremo se soddisferà i più grandicelli 😉

4 Comments

  1. Noi abbiamo provato quella al bicarbonato: in rete ci sono delle decorazioni natalizie cosi belle per il loro candore! Ma il nostro risultato non è stato così perfetto, anzi , forse perché la ricetta l’ho un po fatta a braccio, la nostra pasta era un po’ grezza. E quindi, niente decorazioni, ma solo manipolazione!

  2. Pingback: Didò fatto in casa « ascoltamicongliocchi

  3. Pingback: Pasta al bicarbonato « ascoltamicongliocchi

  4. Pingback: Didò fatto in casa | Ascoltamicongliocchi

Rispondi