Adolescenza: Mamma, io esco!

Adolescenza: io escoSiamo giunti alla fatidica età in cui tuo figlio, nel mio caso figliA, non ti chiede più le cose, ma te le comunica, della serie ti informa di qualcosa che ha già deciso e che non presuppone il tuo beneplacito, ma semplicemente il tuo esserne a conoscenza. Di quando tu dici: “Scusa ma potevi parlarmene!” e per risposta ottieni un “Infatti, te l’ho detto!”.

Siamo arrivati al quel punto della vita dei figli in cui tu genitore servi esattamente come il sale per un iperteso, perchè i figli si sentono padroni della loro vita e delle loro scelte e tu conti come il due di picche quando la briscola è bastoni. Anche se a volte il bastone lo useresti nei loro confronti in modo diverso dal gioco delle carte!!!!!

Siamo giunti alla fatidica Adolescenza, momento in cui la frase che normalmente ti senti dire, o meglio senti aleggiare nella casa perchè può essere rivolta a te come al muro della cucina, è:

Mamma, io esco!

Continua a leggere

Lasciar crescere significa anche permettere che… giochi a calcio

Diciamocelo: i figli devono crescere e poter fare autonomamente le proprie scelte sportive, seguire il palpito del loro cuore e poco importa quale sport sceglieranno, perchè tanto sarà esattamente l’opposto di quello che desidereresti. E non tanto perchè vorresti che la scelta ricadesse sullo sport che hai fatto tu alla …

Gualtieri, la sua piazza e la sua golena

Si è appena conclusa una delle manifestazioni forse più timide e poco pretenziose del territorio della bassa padana, una tre giorni in viaggio in uno dei piccoli borghi con la piazza più bella in assoluto di tutta l’Italia (e questo non lo dico solo io, ma è un dato oggettivo!): …

Una gita diversa

arrivati al bivaccoMetti 5 bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni (vabbè, facciamo 4 bambini e un ragazzo, non si sa mai che legga 😉 ),

Continua a leggere

L’insostenibile pesantezza della noia

Si metta agli atti che un genitore, quando diventa tale soprattutto nei primi anni di vita dei bimbi, la noia non la prova, e probabilmente dimentica istantaneamente a cosa collegare questo termine perchè non ha il tempo materiale per annoiarsi. Si metta altresì a verbale che la noia è un …

Giugno con il bene che ti voglio

Chi è genitore ha sicuramente presente quale sia il mese dell’anno più temuto, più minaccioso, quello al cui pensiero cadono goccioloni di sudore grandi come noci di cocco. Il mese che ogni genitore vorrebbe cancellare dal calendario, nonostante sancisca definitivamente l’avanzare del periodo estivo, il tepore delle sere passate fuori …

CookLab: Pane integrale fatto in casa

Amo il pane fatto in casa, amo il suo profumo nell’aria e il rumore che fa quando lo tagliamo. Purtroppo non ho tempo di farlo tutte le volte che vorrei: risolvo facendolo di pezzatura grande così mantiene la fragranza più a lungo e anche dopo 2-3 giorni rimane morbido, se …